Archivi tag: terrorismo

4 grandi dell’hi-tech contro il terrorismo e gli estremismi

I giganti dei social media – Facebook, Twitter, YouTube e Microsoft – hanno fatto sapere che stanno formando un gruppo di lavoro per rimuovere contenuti terroristici dalle loro piattaforme. Queste aziende tecnologiche a livello mondiale hanno annunciato la creazione di un Forum Global Internet, sviluppato per contrastare il terrorismo, che li aiuterà a condividere le soluzioni tecniche per rimuovere messaggi terroristici ed estremisti.

Annunci

Facebook, Microsoft, YouTube e Twitter insieme per combattere il terrorismo

Microsoft, Facebook, YouTube, e Twitter hanno formato una squadra per combattere il terrorismo. Queste piattaforme hanno costituito il Forum Global Internet per contrastare il terrorismo e sarà di aiuto nel rendere i propri servizi “ostili ai terroristi e agli estremisti violenti“.

Le quattro piattaforme, ora, condivideranno dati e risorse per la lotta al terrorismo e svilupperanno nuove tecniche di rilevamento per questo scopo. Questo forum ha anche l’obiettivo di formalizzare e strutturare le aree esistenti e future di collaborazione tra le loro aziende e nutrire cooperazione con le aziende tecnologiche più piccole.

Facebook utilizza l’intelligenza artificiale per combattere il terrorismo

Facebook combatterà il terrorismo con l’intelligenza artificiale. Il confronto e l’analisi degli algoritmi di immagini e dei testi sono alcune strategie di intelligenza artificiale che utilizzerà il social network di Mark Zuckerberg per fermare la diffusione di contenuti terroristici. Questo quanto è stato rivelato da Monika Bickert, Direttore Globale di Gestione dei criteri dei contenuti, e Brian Fishman, Senior Policy contro il terrorismo. In una nota, Facebook ha fatto sapere che “non v’è posto per il terrorismo” e che la società sta lavorando per rimuovere questo tipo di contenuti quando questi vengono rilevati.

Dopo un attacco terroristico, i social media possono fare più danno che bene

Come condividere informazioni su un attacco terroristico sui social media aiuta i terroristi a diffondere il loro messaggio. Facciamo una riflessione. Non è proprio questo che vogliono? Dopotutto, la parola “terrorismo” ha come origine il “terrore”. E sui social media tutto si diffonde. E noi facciamo il loro gioco.

http://federicavitale.com/dopo-un-attacco-terroristico-i-social-media-possono-fare-piu-danno-che-bene/

iPhone salva la vita di una donna durante l’attentato di Manchester

Un iPhone, alle volte, può salvare la vita. La storia la racconta il marito di una donna, colta come tante insieme a lei nell’attacco terroristico di Manchester dello scorso 22 maggio. Racconta di essere stata salvata dal suo telefono, che avrebbe deviato un pezzo di metallo del rivestimento della bomba dell’attentatore.

Dark Web e terrorismo: quale il loro legame

Deep-Web-Cover_1-647x450
Dove si organizzano i terroristi?

Ogni giorno assistiamo ad un vero e proprio bollettino di guerra riguardo le attività terroristiche nel mondo. In molti associano la loro organizzazione al Dark Web ma, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le reti anonime come Tor e I2P  non sono i luoghi informatici preferiti dalle organizzazioni terroristiche.

Il terrorismo corre sul web: la lista World Check

Un database di 2,2 milioni di sospetti terroristi e persone legate alla criminalità organizzata – un elenco utilizzato dalle agenzie di intelligence, dalle banche e dalle aziende di tutto il mondo – è trapelato su Internet. La banca dati, denominata World-Check, è stata gestita dalla società di dati finanziari Thomson Reuters per i suoi clienti.