Archivi tag: preistoria

Il misterioso viaggio di un teschio in una grotta in Italia

teschio-grotta
Photo by Cristian Grecu on Unsplash

Un teschio solitario è finito in una grotta italiana dopo essere stato trascinato via dal suo cimitero originale. Le conclusioni sono tratte da uno studio di Maria Giovanna Belcastro, dell’Università di Bologna e pubblicato sulla rivista PLOS One.

C’è una spiegazione per la dimensione dei megalodonti: una storia sanguinosa che inizia nel grembo materno

squalo

Un team di scienziati ha appena avanzato una spiegazione per le enormi dimensioni dei megalodonti (ora estinti). È una storia sanguinosa, che inizia nel grembo dei loro genitori. Secondo il nuovo studio, condotto da scienziati dell’Università di Chicago, negli Stati Uniti, le grandi dimensioni degli squali lamniformi – un gruppo che comprende i megalodonti (Otodus megalodon) – potrebbero essere associate al sangue caldo e alla pratica del mangiare i propri fratelli ancora nel grembo materno.

Rivelata la vera dimensione del temibile megalodonte

megalodonte

Utilizzando modelli matematici, un team di esperti dell’Università di Bristol e Swansea ha rivelato le dimensioni reali del megalodonte preistorico. Questa specie, che potrebbe essere vissuta sulla Terra tra i 23 e i 3 milioni di anni fa era, in totale, lunga 16 metri e ha una testa rotonda di 4,65 metri, secondo i risultati dell’indagine, recentemente pubblicati sulla rivista Scientific Reports.

L’Homo erectus non era così magro, ma robusto e massiccio

homo-erectus

I ricercatori del Museo di Storia naturale di Londra hanno scoperto prove del fatto che l’Homo erectus non era così snello come si pensava in precedenza; in realtà, aveva un “torace ampio e profondo” come i Neanderthal. Secondo la nuova ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista scientifica specializzata Nature Ecology and Evolution, questo antenato primitivo dell’Uomo era compatto, robusto e massiccio.

Le feci mostrano che gli umani sono arrivati ​​in Nord America 14.000 anni fa

feci

Quando arrivarono gli umani in Nord America? Questa non è una domanda facile a cui rispondere, ma gli archeologi ora hanno un’altra utile prova con cui lavorare: un nuovo studio sulle feci di 14.000 anni fa.

Le antiche acque dell’Australia erano piene di giganteschi scorpioni predatori

scorpione-gigante

Le antiche acque intorno all’Australia potrebbero essere state riempite con enormi scorpioni marini predatori lunghi 2,5 metri. Conosciuti come Eurypterida, questi animali feroci erano i più grandi predatori marini presenti nella documentazione fossile e si ritiene che siano gli antenati degli scorpioni moderni e di altri aracnidi.

Delfino estinto 25 milioni di anni fa era il principale predatore nella sua comunità

delfino

Un team di scienziati ha recentemente identificato uno scheletro quasi completo di un antenato dei delfini lungo 4,8 metri che viveva nell’odierna Carolina del Sud durante l’era dell’Oligocene, circa 25 milioni di anni fa.

Fossile di pesce con le “dita” di 380 milioni di anni fa rivela l’origine evolutiva della mano umana

fossile-pesce

Un team di paleontologi australiani e canadesi ha scoperto un fossile di pesce di 380 milioni di anni nel Miguasha National Park (Quebec, Canada) che fornisce nuovi indizi sulla transizione tra pesci e primi animali terrestri e su come la mano umana si sia evoluta. Lo studio pubblicato questa settimana sulla rivista Nature.

Scoperta in Alaska specie di rettili vissuta 200 milioni di anni fa

animali-preistorici

Gli scienziati hanno identificato una nuova specie di rettile marino in Alaska, che visse oltre 200 milioni di anni fa. Il team di scienziati ha scoperto, per la prima volta, un esemplare di questa nuova specie, ora soprannominato Gunakadeit joseeae, in una località costiera nel sud-est dell’Alaska nel 2011.

Anche i nostri antenati indossavano i piercing

piercing-preistoria

La più antica testimonianza di piercing al viso è stata scoperta nello scheletro di un giovane che ha vissuto in Africa circa 12.000 anni fa. L’analisi dei denti dell’uomo mostra che appartenevano ad un soggetto la cui dentatura presentava un corpo estraneo, che si sfregava contro di essi, indicando perciò che labbra e guance erano forate.