Archivi tag: mummia

Scoperta una “mummia di fango” egiziana mai vista prima

mummia
Ph. credit: Sowada et al., PLOS ONE, 2021

Oltre ad essere avvolta in un “guscio di fango” – qualcosa di mai visto prima nella mummificazione egizia – questa mummia di 3.400 anni è stata scoperta anche nella bara sbagliata. Si tratta di una scoperta sorprendente perché i resti erano avvolti in una sorta di “guscio di fango” che, secondo i ricercatori, “è un trattamento mortuario che non era stato precedentemente registrato nella documentazione archeologica egiziana“.

13 sarcofagi egizi sigillati 2.500 anni fa scoperti sul fondo di un pozzo

sarcofagi-egizi

Un team di archeologi in Egitto ha fatto una delle più grandi scoperte negli ultimi anni: hanno scoperto 13 sarcofagi che sono state sigillate per 2.500 anni. Le bare sono state trovate impilate l’una sull’altra in fondo a un pozzo profondo 11 metri, a cui si accedeva grazie a una fune dall’aspetto precario nella necropoli del deserto di Saqqara. Molte delle bare sembrano essere riccamente decorate e contengono ancora i loro colori originali.

Due piccole mummie egiziane hanno rivelato sorprese (non umane)

mummie

Quando gli scienziati hanno analizzato l’interno di due piccole mummie egiziane che pensavano contenessero cuori umani, sono rimasti sorpresi nel rendersi conto che nessuna delle due serbava l’organo i questione.

Rivelati gli ingredienti della strana sostanza nera usata per ricoprire le mummie egizie

mummie

Un team di scienziati ha scoperto che la sostanza viscosa e nera utilizzata dagli egizi per coprire i sarcofagi delle mummie era composta da una miscela di grasso animale, resina di alberi, cera d’api e petrolio greggio.

Archeologi scoprono la mummia di una mamma adolescente impreziosita da gioielli

mummia-egizia

Gli archeologi hanno scoperto, in Egitto, la mummia di una ragazza adornata con vari gioielli, tra cui collane di perline e orecchini di rame. Secondo il team di esperti, l’adolescente, che avrebbe avuto 15 o 16 anni, è morta durante la 17esima dinastia egizia. La sua mummia è stata trovata da un gruppo di archeologi spagnoli ed egiziani nella necropoli di Draa Abul Naga, in Egitto.

Anche le mummie avevano tatuaggi nascosti (e oggi possiamo già vederli)

mummia-tatuaggio

tatuaggi nascosti nelle antiche mummie egiziane vengono ora rivelati dagli scienziati che utilizzano una nuova tecnologia a infrarossi, consentendo di comprendere come i membri della società hanno vissuto e lavorato per tremila anni.

Ecco come l’uomo può già vedere il mondo attraverso gli occhi degli animali

animali-vista

Gli esseri umani sono un passo avanti verso una visione del mondo simile a quella degli animali, grazie alle nuove tecnologie sviluppate dai ricercatori dell’Università del Queensland, in Australia, e dell’Università di Exeter, nel Regno Unito. Il metodo di visualizzazione creato da questi scienziati ci consente di percepire il mondo come lo vedrebbero diverse specie di animali, sia acquatiche che terrestri.

Gli antichi egizi potrebbero aver ucciso milioni di uccelli solo per mummificarli

Nuove prove del DNA suggeriscono che gli antichi egizi catturavano uccelli selvatici per sacrifici rituali (e per successive mummificazioni). Le catacombe egiziane contengono migliaia di uccelli mummificati, in particolare l’ibis sacro (Threskiornis aethiopicus), accatastati l’uno sopra l’altro in piccoli vasetti e bare. Ma come hanno avuto accesso a così tanti uccelli di questa specie?

Rinvenute due mummie nel cimitero egiziano dove fu sepolto il re Tutankhamon

Un’équipe di archeologi ha portato alla luce due mummie nella Valle dei Re, l’antico cimitero in cui è sepolto il re Tutankhamon e altri reali egiziani. Lo ha affermato il ministero delle Antichità egiziano. Durante una conferenza stampa, il ministero egiziano ha chiarito che non sono state trovate tombe reali.

Scoperta in una tomba egizia la più antica “mappa” degli inferi

egitto

Nel 2012, gli archeologi hanno aperto una tomba nella necropoli egizia centrale di Dayr al-Barsha. Sebbene gran parte dei contenuti siano stati saccheggiati o divorati da funghi, gli esperti hanno scoperto che una delle bare era incisa con il testo di The Book of Two Ways, una misteriosa “guida” illustrata per gli inferi.