Se i computer fossero destinati a diventare invisibili

computer
Se i computer diventassero invisibili

Nel 1965, Gordon Moore, uno dei genitori di quello che oggi è il più grande produttore di circuiti integrati al mondo, Intel, prevedeva che circa ogni 18 mesi il numero di transistor su un chip sarebbe raddoppiato. In seguito, rivide il calcolo e opto per ogni due anni. La sua previsione è diventata legge, la cosiddetta Legge di Moore appunto, pur non essendo più di un’osservazione che lo portò ad estrapolare la potenzialità che il computer avrebbe visto aumentare notevolmente, mentre il suo costo relativo diminuire ad un ritmo esponenziale.

Annunci

Informazioni su Federica Vitale

Se ti piace quello che scrivo, contattami: federika.vit@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...